Linee guida della Papalini Spa

HowTo Sanificare

Per far fronte all’emergenza epidemiologica, il Direttore Commerciale della Papalini Spa Antonio Conti spiega come sanificare in modo corretto ed efficacemente contro la diffusione del Coronavirus in fase 2. Dal servizio andato in onda su Rossini TV.

“La sanificazione dei locali può avvenire con diverse metodologie, le più efficaci sono, essenzialmente due: una l’atomizzazione di prodotti disinfettanti riconosciuti dal Ministero della sanità, che vengono nebulizzati nell’aria e ricadono in maniera proporzionata su tutte le superfici.

Un’altra è invece attraverso l’atomizzazione e la saturazione ambientale di una disinfettante, quale il perossido d’idrogeno, acqua ossigena. Viene riempito il locale di perossido d’idrogeno fino alla saturazione dell’ambiente, e dopo 15 minuti il locale è perfettamente disinfettato. Chiaro che questo intervento rispetto al primo è più importante perché il perossido d’idrogeno essendo un gas arriva in tutte le parti difficilmente raggiungibili con l’intervento manuale. L’intervento dura a seconda delle dimensioni dell’ambiente.

Con l’intervento di sanificazione andiamo a eliminare il virus all’istante, ma al passaggio di una persona contagiata si annulla l’effetto della sanificazione. È quindi consigliabile farlo con una frequenza che può variare in base al passaggio delle persone nell’area.”

 Il vostro lavoro in questo periodo si è intensificato?

“Si è intensificato tantissimo, proprio per questo abbiamo dovuto predisporre diverse squadre attrezzate con macchinari e attrezzature che all’inizio non erano neanche facilmente approvvigionabili perché c’era una richiesta improvvisa, come per i DPI. Adesso ci siamo riusciti a mettere in pari creando diverse squadre sul territorio e riusciamo a garantire anche tempi di intervento celeri.”