Papalini Spa sponsor della Nazionale Prefettizi

La squadra si aggiudica il quadrangolare il 26 novembre città di San Pio

Papalini Spa sponsor della Nazionale Prefettizi

La squadra si aggiudica il quadrangolare il 26 novembre città di San Pio

I rappresentanti della legge e della giustizia, della politica e dello spettacolo si sono sfidati in un campo di calcio, il 26 novembre a San Giovanni Rotondo, in provincia di Foggia, nel 1° quadrangolare “Legalità e solidarietà” il cui incasso sarà destinato alle popolazioni colpite dal terremoto nel Centro Italia.

Allo stadio Massa, di fronte a una rappresentanza delle scolaresche locali, la Nazionale Prefettizi sponsorizzata dalla Papalini Spa, dopo avere battuto ai rigori la Nazionale Magistrati, ha bissato il successo in finale, sempre ai calci di rigore, contro la rappresentativa degli Amministratori locali, integrati da giovani calciatori extracomunitari ospiti del centro di accoglienza San Pio, aggiudicandosi così il primo trofeo della città di San Pio.

La presidente dei “Prefettizi”, Laura Lega, che ha seguito la partita a distanza, si è complimentata con la squadra sottolineando l’importanza del torneo per il richiamo ai valori della legalità e della solidarietà: «Un altro modo per avvicinare cittadini e istituzioni e per ribadire il rispetto delle regole». Presenti alla manifestazione i capi dipartimento del ministero dell’Interno Elisabetta Belgiorno e Luigi Varratta.

La Nazionale Prefettizi è nata all’insegna dello sport come portatore di valori fondamentali per una comunità, con il proposito di rafforzare lo spirito di colleganza, il valore dell’amicizia, la passione verso lo sport e soprattutto di solidarizzare con chi, meno fortunato, versa in stato di bisogno. Praticare un’attività sportiva secondo un preciso codice etico favorisce infatti l’adozione di uno stile di vita ispirato ai valori morali dello sport.

Al termine del quadrangolare, il prefetto di Foggia Novella Tirone ha premiato, insieme al sindaco di San Giovanni Rotondo, tutti i partecipanti con una medaglia raffigurante l’immagine del Santo e ha consegnato, tra l’euforia generale dei vincitori, al capitano dei “Prefettizi” il prestigioso trofeo.